russo

russo, il più grande porto bulgaro sul Danubio, è un cancello d'ingresso nel paese. Qui attraccano navi fluviali russe e bulgare. I treni da e per Bucarest fermano alla stazione ferroviaria locale. Il ponte dell'amicizia a due livelli (1954 r.), 6 km a valle, collega Ruse con la città rumena di Giurgiu. Questo enorme, struttura d'acciaio, essendo il ponte stradale e ferroviario più lungo d'Europa, grazie alla campata centrale mobile, permette il traffico fluviale anche a quote d'acqua elevate. Il nome del ponte può sembrare un po' ironico, dato il fatto, che le attuali relazioni bulgaro-rumeno rimangono tutt'altro che amichevoli, e le fabbriche di cloro e sodio dalla parte rumena stanno avvelenando l'ambiente nell'area di Ruse. Aggiungiamo, che in questa lunga amicizia (2220 m), tranne il popolo sovietico, rumeni e cechi, il nostro “Mostostal”.

Ci sono parchi e passeggiate lungo il Danubio, costellato di monumenti che commemorano la riconquista dell'indipendenza in 1878 io 1944 r.. Avere del tempo libero, vale la pena visitare queste parti della città.

Storia

Costruito sul sito di un insediamento tracio, St. 70 r. fortezza romana, sessanta Prista (60 navi), faceva parte della linea di difesa del Danubio (Linea difensiva romana lungo la sponda sud del Danubio). Nonostante le fortificazioni, quale città ottenne durante il regno dell'imperatore Giustiniano nel VI secolo, fu infine demolita durante l'invasione barbarica del VII secolo.

W IX w., 30 km a sud, in una comoda ansa del fiume Czerni Łom, I proto-bulgari costruirono la città di Czerwen. Ben presto vi furono costruite sei chiese, mura della città, e roccaforte. La torre di cinque piani è sopravvissuta ai nostri tempi, mura della chiesa e frammenti della fortezza. Dopo la conquista turca, il 1388 r. Czerwen è stata spopolata.

I turchi costruirono e fortificarono la città di Ruszczuk (russo). W 1811 r. la città fu catturata da Kutuzov, ma alla fine, a causa dell'attacco di Napoleone a Mosca, ha dovuto ritirare l'esercito. W 1864 r., durante le riforme attuate dal gran visir, Midhat Pasha (fondatore del movimento dei Giovani Turchi), Ruszczuk è stata modernizzata ed è diventata la capitale della villa Dunajski (che comprendeva le aree ad ovest della città, fino a Nis in Jugoslavia). W 1866 r. linea ferroviaria Ruse-Varna, prima nell'Impero Ottomano, collegava il Danubio con il Mar Nero. L'architettura eclettica del centro città risale al periodo di massimo splendore della costruzione, che seguì la liberazione della città dai russi dal dominio turco in 1878 r. C'erano molte unità polacche nell'esercito russo del Danubio. Due moschee sono state conservate a Ruse, Case del XVIII secolo, al centro ci sono edifici con facciate Art Nouveau.

Orientamento

Le stazioni ferroviarie e degli autobus adiacenti si trovano nella parte meridionale della città. Il deposito bagagli alla stazione ferroviaria è aperto 24 ore su 24.

Una sezione di un chilometro di ul. Borisowa, che separa le stazioni da Svobody Square, il centro città può essere superato a piedi o in autobus. Tra 18 strade adiacenti alla piazza, c'è anche ul. Aleksandrowska, Passeggiata per lo shopping di Ruse, estendendosi dal quadrato in entrambe le direzioni.

informazione

Le informazioni possono essere fornite da Dunav Tours, il. Pristanistan 22b, lato di Aleksandrowska. L'Unione automobilistica bulgara si trova a General Skobelev 45.

I soldi – Bulbank, Aleksandrowska 11 (giorni lavorativi 8.15-11.30 io 13.00-15.30, sotto. 8.30-13.30), acquista travellers cheque fino all'importo totale 1000 $, addebitando un canone fisso per l'operazione pari a 7,50 $. C'è un bancomat di fronte alla banca.

Poste e telecomunicazioni – Il centro di telecomunicazioni si trova nell'edificio principale dell'ufficio postale, su Svobody Square ed è aperto tutti i giorni da. 7.00-22.00.

Agenzie di viaggio – I biglietti per Bucarest sono in vendita presso le biglietterie Rila, Kniażeska 33 (giorni lavorativi 8.00-12.00 io 13.00-18.00, sotto. 8.00-13.00), e alla stazione dei treni. Alle biglietterie Rila è possibile prenotare i posti solo per i treni del mattino o del tardo pomeriggio.

Giro turistico

La maggior parte dei musei e delle strutture per visitare la città di Ruse, è aperto da 9.00-12.00 io 13.00-18.00, tutti i giorni tranne il lunedì.

Al centro di Piazza Svobody c'è il Monumento alla Libertà, fatto in 1908 r. dallo scultore italiano Arnold Zocchi, autore della statua dello zar Alessandro situata a Sofia.

Alla fine di ul. Petko D. Petkov, dal fronte sud, c'è un pantheon decorato con una cupola dorata. È stato costruito nel 1978 r., 100 anni di indipendenza, in onore degli eroi della rinascita nazionale bulgara. A nord-est del pantheon, alla fine di ul. Soedinenie erge un monumento all'esercito sovietico (1949 r.), un po', Il Parco della Gioventù si estende sulle rive del Danubio.

Lungo la riva del Danubio (a monte del fiume) la strada conduce al Riga Hotel, dove c'è un comodo ponte di osservazione e una passeggiata. La nuova Z Panorama (18.00-1.00) sopra 20. Al primo piano c'è una splendida vista della zona circostante. Vicino all'hotel, dal fiume, sul viale Pridunawski 6, ospita il Museo "Baba Tbnka”, (chiuso per ristrutturazione). Sette figli di nonna Tonka hanno preso parte alla rivolta contro i turchi in 1876 r., e la figlia – Bilana Rajczewo – vissuto nell'attuale edificio del museo.

Pagine: 1 2