Presław

Presław, 20 km a sud-ovest di Szumen, fondato, come dice l'iscrizione sulla colonna di marmo (al Museo Archeologico di Sofia), w 821 r. chan Omurtag. W 893 r. Lo zar Simeone ha spostato il suo posto da Pliska, figlio del principe khan Boris Michał, il primo sovrano cristiano bulgaro, e da allora in poi Preslav rimase la capitale del Secondo Stato Bulgaro fino al tempo, quando in 972 r. la città fu conquistata dai Bizantini (w 976 r. Presław è stato riconquistato; poi da 1001 fare 1187 r. apparteneva di nuovo a Bisanzio). C'era un'eccellente scuola di scrittura qui, e anche quando la corte si trasferì a Veliko Tarnovo, Presław è rimasta una città significativa. W 1388 r. i turchi l'hanno catturato. Il materiale ottenuto dalla demolizione degli edifici a Presław è stato utilizzato dai turchi per erigere i loro edifici. Nuova città, costruito nel XVI secolo, hanno chiamato Eski Istanbul.

Sud, 24 km dall'attuale Presław, ci sono rovine del Grande Presław. Coprendo l'area 3,5 km2 la rocca esterna era protetta da un alto muro in blocchi di calcare, spessore fino a 3 m, con porte e torri. C'erano chiese qui, monasteri e sedi boiardi. Fu qui che sorgeva la famosa Chiesa d'Oro di Simeone, costruita nel 908 r. (parzialmente ricostruita ai giorni nostri). Deve il suo nome alla cupola dorata dall'esterno, rivestito con mosaico ceramico all'interno. Lei aveva 12 colonne di marmo, alcuni dei quali sono sopravvissuti. C'è anche un portico e frammenti della navata.

Muro interno in pietra, spessore ca 3 m, circondato la superficie 1,5 km2. Al centro c'era un grande palazzo con una sala del trono e un piccolo palazzo, dove viveva lo zar, e c'erano anche vari palazzi e una basilica. Delle strutture interne sono sopravvissute le porte e la torre rotonda.

Il Museo Archeologico Wielki Presław, situato tra le rovine, presenta i resti dell'architettura e i modelli dell'ex palazzo. I monumenti più preziosi qui sono l'icona in ceramica di S.. Teodora stratilata (X w.) dal monastero di S.. Pantelejmona (2 km a sud-ovest) e un calice d'argento del leggendario Zupan di Preslav, Sibiu. Il Circo è stato inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, e le rovine sono una riserva archeologica. Il vicino monastero di S.. Panteleimon è stata fondata dal principe Boris Michał, che poi, quando ha abdicato, si rifugiò alle sue porte, partire più volte, per punire i figli in lotta e sconfiggere i nemici dello stato.

Guidare

Presław è facilmente raggiungibile con gli autobus locali da Szumen. All'arrivo, prendi un taxi per il museo, e il ritorno a piedi. Pianificazione di pernottare, puoi andare all'hotel a due stelle Presław (tel.2508) nel centro città; i posti costano soldi qui 10 $ da persona. L'hotel dispone di un ristorante.

La leggenda del principe di Sibiu.

Il principe di Preslav di Sibiu si innamorò della bella eretica Kalomea. Lo zar Boril ha emesso un sinodico contro i bogomili:
Ci, cosa seminare l'eresia?, che l'astuto e ingannevole nemico delle nostre anime infettò tutta la terra bulgara, mescolando la dedica manichea con Masali, lascia che siano dannati. Anatema! Ci, cosa dicono, che Satana feconda una donna e dimora in lei, fintanto che porta il feto nel suo grembo, e non la lascia, finché non avrà un bambino, lascia che siano dannati! Anatema!
Perseguitato da Boril, Sibiu fugge nel comune di Bogomil, pronto ad accettare la confessione della sua amata. Tuttavia, il capo dell'ecclesia è "perfetto"” lo vedono come uno strumento di Satana e incitano i fedeli. Buttano i lapidati in una grotta.
Il popolo bulgaro crede, che quando i tempi brutti sono in arrivo, lo spirito di Sibiu esce dalla grotta. Mette in guardia contro la sfortuna.