Melnik – Melnik

Melnik (Melnik), mentendo a malapena 20 km a nord del confine con la Grecia, situato in Macedonia bulgara. I ripidi scogli di sabbia che emergono dall'esterno della città gli conferiscono un aspetto insolito. Inizialmente, era abitato da tribù traci, in epoca romana divenne centro di commerci, e nel Medioevo una roccaforte. Da IX w. Mełnik è famosa per la produzione di vino rosso, che stava invecchiando, proprio come oggi, in cantine scavate nella roccia. E poi il vino Mełnicki poteva essere versato in un grembiule e portato in casa. Non è trapelato – era così spesso. I genovesi li avevano per il prezzo, veneziani e castigliani. purtroppo, la fillossera distrusse i vigneti all'inizio del secolo, provocando una netta regressione nella produzione della bevanda.

Orientamento

Da est a ovest, su entrambi i lati del fiume essendo un affluente del Mełiszka, la strada principale di Mełnik corre. Intorno a case e rovine, su entrambi i lati della valle, vicoli e sentieri si estendono verso l'alto.

Giro turistico

Passeggiando per le strade acciottolate, tra gli affascinanti edifici di Mełnik, non c'è bisogno di preoccuparsi, per trovare numerose cantine, ma dopo averli visitati si può avvertire un notevole disturbo nella coordinazione dei movimenti. Vicino all'ingresso della città si trova la Casa Paszowa del XVIII secolo, che ospita il Museo Storico (nessun orario di apertura regolare). Per arrivare a Kordopułowo Kyszta (La casa di Kordopułow, integrato 1754 r.), un tempo sede di una delle più eminenti famiglie di mercanti di Mełnik, devi salire nella parte sud-orientale della città. C'è una grande cantina nel seminterrato della casa, dove veniva conservato il vino (250 mille. litri!). La casa più antica di Mełnik e della Bulgaria è Bojarskata Kyszta (casa dei boiardi) z XIII w.

Mełnik durante l'impero bizantino era un luogo… spedizioni. Qui i ribelli bizantini vivevano in esilio, che hanno mancato di rispetto al loro sovrano. E attingendo alla tua ricchezza, vivevano bene insieme – bevevano vino di Melnica e camminavano barcollando tra enormi funghi, fiori mostruosi, bestie terrificanti nei colori del rosa, rosso e giallo – per queste sono le forme e i colori delle rocce intorno alla città.

A est di Mełnik, Il sentiero per il monastero di Rożenski conduce lungo una zona rocciosa riarsa (7 km), fondata all'inizio del X secolo. L'attuale edificio fu eretto nel 1600 r. Le icone sono state conservate, affreschi e dipinti su vetro del XVI e XVII secolo. Ci sono anche rovine di una fortezza costruita all'inizio del XIII secolo. dal boiardo Alexei Slava, a cui apparteneva Mełnik, e integrato 1756 r. chiesa di S.. Nicholas the Wonderworker. Nel villaggio di Rożen, 10 minuti a piedi dal monastero, c'è una locanda di campagna (meccan). Chi non vuole un viaggio di andata e ritorno, prendere l'autobus tra Mełnik e Rożen.

Bed and breakfast

Non ci sono problemi con l'affitto di una stanza a Mełnik: dovresti cercare la parola free standing (stanze libere) o Chastni Kvarni (alloggio privato), posti nelle finestre delle case. In estate le agenzie turistiche aprono qui i loro uffici. Cercali all'estremità occidentale della strada principale della città.
La famiglia Manczewi affitta stanze (8 $ da persona) in una bella casa nel nord della città. C'è una locanda al piano terra dell'edificio. Il vicino Mechana Czinarite è uno dei migliori ristoranti di Mełnik.

Viaggio

A Mełnik da Sofia-Owcz Kupeł ogni giorno p. 14.30 l'autobus parte. Inoltre, p. 6.30 bus per Monastero di Riłski. Lì dovresti cambiare con l'autobus (o fare l'autostop) alla città di Rila, da dove uno degli autobus orari ti porterà a Blagoevgrad. C'è un bus che va da Blagoevgrad a Mełnik. L'intero viaggio può essere completato prima della sera.
Da Mełnik a Sofia, p. 18.30 parte il bus espresso serale. Puoi anche prendere un autobus per Sandanski e prendere uno dei treni pomeridiani per Sofia.

SANDANSKI – È un luogo di cura balneologico situato a Bistrica, ha una ricca storia: l'insediamento è stato fondato dalla famiglia Trak, qui si stabilirono soldati veterani della prima legione romana. Ci sono rovine di una basilica bizantina del VI secolo. (Persino i mosaici colorati sul pavimento sono sopravvissuti). Come era consuetudine, e qui fu costruito un tempio cristiano sulle rovine di un tempio pagano. Chiesa di San Wracz (santo dottore) fu costruito sul sito dell'antico tempio di Asclepio, il dio della medicina dalla Tracia (naturalmente i greci l'avevano usurpato, e poi i romani, zwąc Eskulapem). Anche il famoso gladiatore Spartacus proveniva dalla terra della Tracia, che turbò molto i romani, innescando la rivolta degli schiavi (73-71 r. p.n.e.). C'è un magnifico monumento nella città di Sandanski, evocando la lotta dei gladiatori con le legioni di Crasso.

Dietro Mełnik, ai piedi della catena Bełasica, si trova Petricz, Polo termico bulgaro. La temperatura media annuale rimane nell'intervallo di 13 fare 15°C. Sono state conservate le rovine medievali della roccaforte.