Le più grandi città bulgare

La Bulgaria può essere una grande attrazione per un visitatore. Lo sanno bene turisti e pazienti polacchi. Ci, chi non c'è ancora stato, lo scopriranno, che i bulgari sono amichevoli e premurosi, e nonostante i problemi finanziari, sono alle prese dai cambiamenti politici political, ancora ospitale in slavo. La Bulgaria è un paese sicuro, puoi vedere molto lì, e i prezzi sono abbordabili. Il suo territorio, a differenza del paesaggio arido e arido della Grecia, è estremamente vario. Le catene montuose del Rila, Gli amanti della natura saranno deliziati dai monti Pirin e Rodopi e dalla costa del Mar Nero.

Negli ultimi anni, il turismo individuale in questo paese è diventato molto più facile. Il periodo d'oro degli hotel privati, ristoranti e servizi turistici ce l'hanno fatta, che l'interesse dei visitatori è in costante aumento. A volte la burocrazia può essere un po' frustrante, ma la maggior parte dei bulgari farebbe qualsiasi cosa, per facilitare il soggiorno dei turisti nel loro paese.

Ci sono molti argomenti per questo, per visitare questo affascinante angolo d'Europa in questo momento. Un viaggio del genere è una buona opportunità per i turisti attenti ai costi, e chi cerca vecchi sentieri escursionistici, città storiche, chiese e monasteri o spiagge assolate e sabbiose.

Le più grandi città bulgare.

1. Sofia
Questa è la capitale della Bulgaria, in cui vive circa 1,3 un milione di persone. In termini di area, è solo leggermente più piccola di Varsavia, in termini di numero di persone abitate da più del doppio di poche persone.

In origine il nome di Sofia era Serdyka ed era un insediamento tracio. Nell'antichità e nel medioevo, passò di mano molte volte, cambiando nome.

Inizialmente, Serdyka, poi Ulipa Sernica (durante il regno dei romani), poi Triadica (la città fu demolita dagli Unni, ottenne un nuovo nome dopo essere stato ricostruito dall'imperatore Giustiniano), più tardi Sredec (sotto Khan Krumu), finalmente in 1376 anno è diventata Sofia. Sofia è la capitale della Bulgaria dal 1879 anno.

Un buon riassunto di Sofia è il suo motto: "si sviluppa, ma non invecchiando". Sofia è una città ricca di monumenti, e allo stesso tempo in rapido sviluppo finanziario, centro culturale e scientifico della Bulgaria, spesso visitato sia da turisti che da uomini d'affari.

Sofia si trova nella parte occidentale della Bulgaria, ai piedi della catena montuosa Witoszy, uno dei simboli turistici di Sofia e centro degli sport invernali.

Sofia è una città partner di Varsavia.

2. Plovdiv
Le prime tracce dell'esistenza di Plovdiv portano agli insediamenti risultanti 4000 anni aC. Nell'antichità, la città era il centro della provincia tracia dell'Impero Romano. Lukian z Samosat, retorica rzymski, Li chiamò poi "la più grande e la più bella di tutte le città, la cui bellezza risplende da lontano".

Attualmente abitato da ca 380 migliaia di persone Plovdiv non è solo una delle città più antiche della Bulgaria, ma anche un importante nodo di comunicazione - la città è un nodo ferroviario e stradale, ha anche un aeroporto internazionale.

Plovdiv è il centro culturale della Bulgaria centrale. Tra i monumenti ci sono, tra gli altri, antichi teatri, i resti di fortificazioni medievali o le terme e le chiese ottomane.

Plovdiv è una città partner di Poznań.

3. Colore
Situata nella parte nord-orientale del paese sul Mar Nero, Varna è spesso chiamata la capitale estiva della Bulgaria. È il più importante porto bulgaro, un centro economico e scientifico e una meta di vacanza popolare tra i turisti. La città ha anche un aeroporto internazionale.

I primi insediamenti intorno a Varna risalgono a 100 mille anni aC. Di 600 anni aC. la colonia greca di Odessos è stata fondata sul sito dell'insediamento.

La colonia fu conquistata dall'Impero Romano, e poi attraverso l'Impero Bizantino. Nel VI o VII secolo d.C.. la città fu distrutta dagli slavi. La città fu in seguito ricostruita e a quel tempo le fu dato il nome di "Varna".

Colore, proprio come Sofia, è passato di mano molte volte. Faceva parte dello stato bulgaro, Bisanzio e l'Impero Ottomano. A partire dal 1878 anno è all'interno della Bulgaria. Varna ha attualmente ca 360 mille abitanti.

Per i turisti dalla Polonia, l'imperdibile è visitare il famoso campo di battaglia di 1444 anno, dove Ladislao III di Varna guidò l'esercito polacco-ungherese contro le truppe turche.

4. Burgas
Burgas è un importante centro industriale, situato nella parte sud-orientale della Bulgaria sulla baia del Mar Nero di Burgas, comunicazione e turismo.

L'aeroporto internazionale vicino alla città è particolarmente attivo in estate, quando la riviera bulgara è visitata da folle di turisti provenienti da tutta Europa.

Burgas era originariamente chiamato Pirgos ed era un punto di osservazione di Sozopol. Il punto di osservazione in seguito divenne una piccola fortezza e fu preso dai Romani. Fu solo nel XVII secolo che iniziò a svilupparsi in una città intorno alla fortezza. Fu allora che alla città fu dato il nome di Burgas.

Numerazione circa 190 Con migliaia di abitanti, Burgas è oggi uno dei porti e centri turistici più importanti della regione. Da Burgas è facile raggiungere la lontana ca 35 chilometri della città di Nessebar e la località più famosa della Bulgaria, Sunny Beach.

5. russo
russo, confinante con la Romania, situata nella parte nord-orientale della città sul Danubio, con una popolazione di ca 165 con migliaia di abitanti, la città non è solo un grande centro industriale, ma anche il porto fluviale più importante del Paese, importante per l'economia bulgara. La città ha anche il suo aeroporto nazionale.

Ruse è stata fondata intorno al 2000-3000 aC. Successivamente divenne parte della Tracia e centro militare romano. Ruse faceva parte del secondo stato bulgaro, e poi entrò a far parte dell'Impero Ottomano. W 1878 anno è entrato a far parte della Bulgaria.

La città è nota per i suoi monumenti ben tenuti della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo. Friendship Bridge collega Ruse bulgaro con Giurgiu . rumeno.

Misurazione 204 metri la Ruse TV Tower è uno degli edifici più alti della penisola balcanica. In altezza 107 metri c'è un punto di osservazione, che si affaccia Ruse, Il Danubio e la città rumena di Giurgiu dall'altra parte del Danubio.